Sostegni-bis: Bonus sanificazioni e DPI esteso al 2021

Sei titolare di un’agenzia immobiliare o di una qualsiasi attività commerciale? Sappi che col Decreto Sostegni-bis (pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 25 maggio 2021) è stato prorogato il bonus sanificazioni, in particolare:


Sono spese agevolabili quelle sostenute a giugno, luglio e agosto per la “bonifica” di ambienti e strumenti di lavoro, e per l’acquisto di dispositivi a tutela della salute di addetti e utenti.

I soggetti beneficiari
I soggetti beneficiari sono i soggetti esercenti attività d’impresa, arti e professioni, le strutture ricettive extra-alberghiere a carattere non imprenditoriale a condizione che siano in possesso del prescritto codice identificativo. Vi rientrano, pertanto, anche i proprietari privati di un immobile utilizzato per affitti brevi (ad esempio, bed and breakfast e case vacanze).

Le spese ammissibili
Sono comprese nel perimetro di applicazione della disposizione, cioè tra i costi ammissibili al credito d’imposta, le spese sostenute nei mesi di giugno, luglio e agosto 2021 per:

• sanificare gli ambienti nei quali è esercitata l’attività lavorativa o istituzionale e gli strumenti utilizzati nell’ambito di tali attività;
• la somministrazione di tamponi ai lavoratori impiegati nelle attività lavorative o istituzionali;
• l’acquisto di dispositivi di protezione individuale (mascherine, guanti, visiere, occhiali, tute, calzari) conformi ai requisiti di sicurezza previsti dalla normativa europea; • l’acquisto di detergenti e disinfettanti;
• l’acquisto di altri dispositivi di sicurezza (termometri, termoscanner, tappeti e vaschette decontaminanti e igienizzanti) conformi ai requisiti di sicurezza previsti dalla normativa europea, incluse le eventuali spese di installazione;
• l’acquisto di dispositivi per garantire la distanza di sicurezza interpersonale (barriere e pannelli protettivi), incluse le eventuali spese di installazione.

Entità e caratteristiche del bonus
Il credito d’imposta spetta fino a un massimo di 60mila euro per ciascun beneficiario, e nel limite complessivo di spesa di 200 milioni di euro per l’anno 2021, in misura pari al 30% delle spese ammissibili sostenute nei tre mesi già indicati.

Il credito è utilizzabile nella dichiarazione dei redditi, relativa al periodo d’imposta in cui la spesa è stata sostenuta. In alternativa, può essere sfruttato in compensazione tramite modello F24, senza applicazione dei limiti in materia di utilizzo dei crediti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Related Posts