In linea generale le nuove costruzioni non prevedono agevolazioni fiscali per la casa. Tuttavia vi sono delle eccezioni. Ci sono infatti dei casi in cui l’Agenzia delle Entrate ammette alla detrazione del 50% ad esempio, la costruzione di nuovi box auto, di soppalchi e verande.

Vediamo più nel dettaglio quando si può usufruire del bonus pari al 50% al fine di riqualificare il patrimonio edilizio.

Ma cosa si intende esattamente per “nuova costruzione”?

Un elenco puntuale che consente di capire cosa si intenda per “nuove costruzioni” è dato dall’articolo 3, comma 1 lettera c) del Testo Unico dell’Edilizia (dpr 380/01). A titolo esemplificativo si tratta di:

  • costruzioni di manufatti edilizi fuori terra o interrati, ovvero ampliamento di quelli esistenti all’esterno della sagoma esistente;
  • interventi di urbanizzazione primaria e secondaria realizzati da soggetti diversi dal Comune;
  • interventi di infrastrutture e di impianti che implichi la trasformazione in via permanente di suolo inedificato;
  • prefabbricati, case mobili;
  • interventi pertinenziali che le norme tecniche degli strumenti urbanistici qualifichino come interventi di nuova costruzione ovvero che comportino la realizzazione di un volume superiore al 20% del volume dell’edificio principale.

Bonus 50% in caso di costruzione di box o posti auto

Un caso di nuova costruzione ammesso al bonus 50% è dato dalla costruzione di box o posti auto costituenti pertinenza di un edificio. Requisito necessario per poter beneficiare della detrazione fiscale è che tali interventi siano connessi a lavori di ristrutturazione eseguiti su un edificio già esistente.

In caso di costruzione di box auto pertinenziale si avrà diritto alla detrazione Irpef pari al 50% della spesa sostenuta con il limite massimo di 96.000 euro. Si ricorda che l’agevolazione fiscale è prevista anche in caso di acquisto di box o posti auto già realizzati e in questo caso la detrazione riguarderà unicamente le spese relative alla loro realizzazione che dovranno essere certificate dal costruttore.

Prevista la possibilità di fruire del beneficio fiscale anche qualora la costruzione di posti auto comporti la comproprietà degli stessi, purché vi sia un vincolo pertinenziale con un’unità abitativa. Si ricorda che, in base a quanto disposto dal codice civile, le pertinenze sono cose mobili o immobili destinate in modo durevole a servizio o ornamento di un’altra. Per poter fruire della detrazione fiscale è necessario che le spese sostenute siano documentate mediante bonifico.

Altri casi di detrazione 50%

Sono ammessi all’agevolazione al 50% le costruzioni interne o esterne di impianti posti al servizio del fabbricato. Si pensi ad esempio alla canna fumaria o alla fognatura. Potranno dunque essere portate in detrazione le spese sostenute per costruire una canna fumaria su un immobile già esistente ma che ne è sprovvisto.

Semaforo verde anche per la nuova costruzione di soppalchi, balconi e verande, queste ultime ritenute un ampliamento volumetrico ma ciò nonostante considerate agevolabili dall’Agenzia delle Entrate.

Bonus 50% in caso di demolizione e ricostruzione: quando è possibile?

La demolizione e la ricostruzione di un edificio che comporti un ampliamento volumetrico dello stesso non sono ammessi alla detrazione fiscale. Siamo di fronte, in tal caso, ad una nuova costruzione di edificio per la quale non è riconosciuto il bonus 50% per il recupero del patrimonio edilizio. Prevista tuttavia un’eccezione alla regola. Sono infatti ammessi alla detrazione pari al 50% gli interventi effettuati per la demolizione e ricostruzione di un immobile danneggiato da eventi calamitosi (post sisma), purché situato in territorio per il quale è stato dichiarato di stato di emergenza.

Un intervento di demolizione e ricostruzione che implichi la modifica della sagoma ma rispetti la volumetria esistente (senza dunque ampliamento) è invece riconducibile alla definizione di ristrutturazione edilizia e come tale agevolabile.

Cosa succede se in sede di ristrutturazione di un immobile esistente si effettui in ampliamento volumetrico di una parte, come ad esempio una sopraelevazione?

Nella fattispecie non c’è la demolizione e il bonus 50% spetterà unicamente per gli interventi eseguiti sulla parte preesistente dell’edificio. L’ampliamento è considerato nuova costruzione e pertanto non è ammesso alla detrazione fiscale.

In tutti i casi considerati in cui è riconosciuta la detrazione fiscale, il rimborso deve essere ripartito in 10 quote annuali di pari importo in sede di dichiarazione dei redditi.

Modalità di pagamento per essere ammessi al bonus 50%

Per poter fruire del bonus 50% ove ammesso nei casi di nuove costruzioni è necessario seguire le regole previste per gli interventi di ristrutturazione. I pagamenti devono pertanto essere effettuati mediante bonifico bancario o postale. Dovrà essere indicata:

  • la causale del versamento
  • il codice fiscale del beneficiario della detrazione
  • codice fiscale o numero di partita Iva di chi ha percepito il pagamento

Qualora gli interventi vengano eseguiti su parti comuni di un condominio, unitamente al codice fiscale dello stabile sarà necessario riportare quello dell’amministratore.

È necessario inoltre essere in regola per ciò che concerne il rispetto delle norme urbanistiche ed edilizie. Da conservare infine la documentazione attestante l’avvenuta esecuzione dei lavori che, su richiesta dell’Agenzia delle Entrate, il contribuente potrebbe essere costretto ad esibire.

Oltre alle spese per l’intervento stesso si potranno portare in detrazione le spese sostenute per le perizie, per la progettazione del lavoro, i costi per le pratiche amministrative e gli oneri di urbanizzazione nonché i costi dei materiali.

Condividi sui social:

10 CommentiChiudere commenti

10 Commenti

  • Posted 25 Maggio 2022 at 17:38 0Likes

    Buonasera, siamo di fronte ad una nuova costruzione che come tale non prevede detrazioni fiscali. Nell’articolo sono indicate le uniche fattispecie di nuove costruzioni per le quali è prevista la detrazione del 50%.

  • Anett
    Posted 18 Maggio 2022 at 11:17 0Likes

    Buongiorno, abbiamo acquistato un terreno edificabile e a settembre inizieremo la costruzione della nostra casa in legno (bioedilizia) sono previsti bonus per questo tipo di progetto?

  • Posted 11 Maggio 2022 at 15:43 0Likes

    Buonasera, in caso di miglioramento di classi energetiche potrà valutare se gli interventi rientrino nel Superbonus o nell’Ecobonus, purché vi sia la categoria catastale per la quale le agevolazioni sono ammesse.

  • Posted 11 Maggio 2022 at 15:40 0Likes

    Buonasera Raffaele, al momento non sono previsti provvedimenti in tal senso.

  • Posted 6 Maggio 2022 at 9:45 0Likes

    Buongiorno Alice, con la Risoluzione 4/E/2011 l’Agenzia delle Entrate ha precisato che, in presenza di ristrutturazione con ampliamento del medesimo edificio, la detrazione del 36% (art. 2, c. 10, Legge 191/2009) – 50% compete solo per le spese riferibili alla parte esistente, in quanto l’ampliamento configura, comunque, una “nuova costruzione”.

  • Manuela
    Posted 1 Maggio 2022 at 14:16 0Likes

    Buongiorno ho acquistato un immobile al rustico con relazione etnica approvata nel 2009 se migloro la classe energetica approvata posso avere agevolazione energetica?

  • Raffaele
    Posted 20 Aprile 2022 at 18:47 0Likes

    Ho una domanda che mi stò ponendo da un pò: stò costruendo una nuova casa da zero in un pezzo di terra edificabile di mia proprietà, come prima casa. Da quando ho iniziato per effetto di tutta la situazione sociale, i prezzi continuano a salire in maniera esponenziale facendomi saltare costantemente tutti i conti, essendo i prezzi in circa un’anno più che raddoppiati. Ora pur conoscendo bene che non ci sono agevolazioni per la costruzione di una nuova casa, mi domandavo se casomai qualcuno si è posto il problema, che casi come il mio potrebbero portare all’interruzione dei lavori perchè i nuovi prezzi sono diventati insostenibili rispetto ai conti iniziali.
    In questi casi ci potrebbero essere degli incentivi per completare la costruzione?

  • Alice
    Posted 12 Aprile 2022 at 21:13 0Likes

    Buonasera, vorrei chiedere se anche noi rientriamo in questo bonus.
    Mio marito ha ricevuto una casa preesistente interamente in donazione, stiamo ampliando sopra di essa, abbiamo questo diritto?
    Grazie buona serata

  • Posted 11 Aprile 2022 at 14:39 0Likes

    Buongiorno Elena, per esempio se vuole costruire un box auto può fruire di una detrazione fiscale pari al 50%.

  • Elena
    Posted 27 Febbraio 2022 at 9:19 0Likes

    Buongiorno,noi a luglio acquisteremo una villetta bifamiliare in zona sismica 3,non è ne una ristrutturazione.volevo sapere se ci sono dei bonus anche per il nuovo.Grazie

Lascia un commento

Iscrivit alla nostra newsletter’