Quali piante da appartamento scegliere per la propria casa? Una domanda che in molti si sono fatti e che dipende da tantissime variabili. Infatti, a prescindere dalla propria eventuale passione e conoscenza delle piante, bisogna anche considerare il tipo di appartamento, la luminosità, lo spazio…

Suggerire delle piante da appartamento non è quindi così semplice, perché appunto sono davvero numerosi gli aspetti da valutare. Non ultima anche la difficoltà nel tenere e mantenere queste piante. Alcune hanno bisogno di molte cure ed attenzioni, mentre altre sono di semplice gestione e chiunque può rapidamente imparare a prendersene cura.

Vediamo quali aspetti considerare prima di scegliere le tue piante da appartamento e qualche esempio pratico.

Piante da appartamento: elementi da valutare

Il primo elemento di valutazione quando si sceglie una pianta da appartamento è sicuramente la dimensione e l’eventuale crescita rispetto allo spazio a disposizione nella casa. Infatti, non è solo lo spazio che occupa nel momento in cui viene acquistata, ma anche quello che potrebbe occupare crescendo, aspetto che invece non preoccupa chi lascia le piante all’esterno, in balcone o giardino.

Un altro aspetto molto importante, in parte già citato, è quello della cura: ci sono piante che hanno bisogno di attenzioni quotidiane, di azioni mirate e specifiche in base alla loro crescita ed alle esigenze, oltre ad aver magari necessità di essere spostate nel corso della giornata in base alla luce. In sostanza, va valutato il proprio “pollice verde” ed anche il tempo a disposizione durante la giornata, perché se si è fuori per la maggior parte del giorno diventa difficile prendersi correttamente cura di piante particolarmente impegnative.

Luce ed umidità sono poi due aspetti fondamentali per qualunque pianta vogliate comprare. Alcune piante sono infatti fragili e non possono essere messe in qualsiasi posizione della casa. Alcune prediligono una certa esposizione (in genere a sud), altre soffrono particolarmente l’alta umidità ed altre ancora non possono rimanere esposte direttamente al sole. In generale, è ovviamente consigliata una zona luminosa, perché la quasi totalità delle piante ha bisogno di parecchia luce, più o meno diretta.

Un altro aspetto ancora da valutare è quello degli animali domestici. Piante particolarmente fragili potrebbero soffrire lo scorrazzare di un cane in giro per casa; altre ancora hanno il problema opposto e potrebbero addirittura essere velenose per alcuni animali domestici. Anche in questo caso, bisogna prestare attenzione ed informarsi prima di acquistare la pianta in questione, in modo da non andare incontro a spiacevoli sorprese.

Piante da appartamento: quali scegliere?

Ogni casa ha le proprie esigenze anche rispetto all’arredamento, in quanto ci deve essere una certa coerenza tra la pianta e l’ambiente in cui viene collocata. Una sala arredata in maniera minimal potrebbe essere completata con una pianta elegante da appartamento, magari senza fiori particolarmente colorati ma che mantenga la neutralità di tutto l’ambiente.

Invece, una casa colorata e vivace potrebbe essere completata con una pianta con una fioritura particolarmente allegra e colorata, naturalmente in accordo con gli altri colori e senza andare a creare uno stacco che sarebbe antiestetico.

In questa ottica, proviamo a capire esattamente quali piante considerare per varie tipologie di appartamento.

Alcuni suggerimenti

La prima è la felce, una pianta facile da curare che ha bisogno di un elevato livello di umidità nella stanza. Ha bisogno anche di essere annaffiata di frequente e della luce del sole, ma non diretta. Cresce velocemente ed è originaria delle foreste pluviali, motivo per cui appunto necessita di tanta acqua e può reggere temperature anche più basse di quelle di un normale appartamento (fino a 8/10° non ha particolari problemi).

Una bellissima pianta da appartamento, questa volta ben più colorata, è la Schlumbergera, nota anche come cactus di Natale, poichè fiorisce nel mese di dicembre. Si tratta di una tipologia di cactus con le foglie lisce, senza spine, con graziosi fiori a forma di trombetta; le colorazioni sono varie, le più comuni sono tra il rosa ed il rosso. Anche questa pianta ha diverse qualità disinquinanti e viene dalle foreste pluviali del Sud America, con temperatura ideale intorno ai 20°, cioè proprio la classica temperatura da appartamento. Non gradisce la luce del sole diretta, ma ha comunque bisogno di un ambiente luminoso e può durare a lungo se mantenuta correttamente.

Un’altra pianta interessante, è la Medinilla o Medinilla Magnifica, perfetta per gli appartamenti perché la sua temperatura è intorno ai 20°. Si tratta di una pianta un po’ particolare, con foglie larghe e di colore verde scuro con venature più chiare, fiori di colore rosa o rosso molto piccoli (e delicati) ed una forma ad arbusto. Rimane piuttosto contenuta di dimensioni ed ha una cura simile ad un’orchidea.

Infine il fiore di cera. Si tratta di una pianta con foglie color verde acceso, dall’altezza di circa 70 centimetri al massimo e necessita di temperature sopra i 10°. Il suo nome è chiaramente dovuto ai fiori di colore bianco, i quali formano una particolare stella molto affascinante, con all’interno di ogni fiore una piccola infiorescenza tipica di colore differente (in genere fucsia o gialla). Questi fiori profumano principalmente di notte, hanno bisogno della luce del sole (anche diretta) e la pianta necessita di molta acqua soprattutto d’estate.

In conclusione

Dopo aver visto come scegliere la propria pianta da appartamento, abbiamo offerto anche uno spunto, anzi cinque, di piante da considerare per la propria casa… non resta che scegliere quella in linea con le proprie esigenze e, perché no, quella preferita dal punto di vista estetico.

Condividi sui social:

0 CommentiChiudere commenti

Lascia un commento

Iscrivit alla nostra newsletter’