Decreto Sostegni: superato requisito Codici Ateco, ristori anche ad agenzie immobiliari in difficoltà

Il nuovo Decreto Sostegni, approvato venerdì 19 Marzo dal Consiglio dei Ministri, introduce misure urgenti in materia di sostegno alle imprese e agli operatori economici, di lavoro, salute e servizi territoriali, connesse all’emergenza COVID-19, con uno stanziamento previsto di circa 32 miliardi di euro.

Nello specifico, la novità più rilevante per le agenzie immobiliari riguarda il superamento del requisito dei Codici Ateco, richiesto dai precedenti decreti per accedere ai sostegni. Come si legge nel comunicato stampa rilasciato in data odierna dalla Consulta Interassociativa Nazionale dell’Intermediazione Immobiliare, le tre organizzazioni sindacali di categoria (Fiaip-Fimaa-Anama) “plaudono il Governo per aver opportunamente inserito nel Decreto, recependo l’appello della Consulta, la misura che rende più equo il sistema dei ristori alle attività superando la logica del settore di appartenenza, consentendo anche alle Agenzie Immobiliari, che abbiano avuto reali cali di fatturato nel 2020, di ricevere rapidamente contributi a fondo perduto quale misura di sostegno per le perdite subite.”

Accogliamo con favore il superamento della logica del codice Ateco che, di fatto, renderà più equo il sistema di erogazione dei ristori  – dichiarano il Presidente di Fiaip  Gian Battista Baccarini e Coordinatore della Consulta, il Presidente di Fimaa Santino Taverna e il Presidente Nazionale Anama Renato Maffey consentendo anche alle Agenzie Immobiliari che hanno subito gravi perdite nel 2020, come chi opera principalmente in ambito turistico, di ricevere contributi a fondo perduto in tempi rapidi”.

Nel comunicato stampa, inoltre, viene auspicata l’elaborazione di un piano adeguato di riforme e investimenti per l’utilizzo delle risorse del Recovery Plan. A tale riguardo i Presidenti delle tre associazioni hanno fatto sapere che è in fase di definizione un nuovo documento di proposta condiviso che, a breve, sarà presentato al Governo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Related Posts