La metropolitana di Milano è ad oggi una rete che comprende diverse linee, arrivando ad essere di quasi 100km su tutto il territorio di Milano e dintorni. La volontà è di espandere le linee già esistenti, anno dopo anno.

Un ulteriore problema a Milano è il traffico: troppe sono le zone in cui il traffico è praticamente costante ogni giorno, soprattutto agli orari di punta; occorre una soluzione nell’interesse dei milanesi e di chiunque si reca in città.

Al momento, le statistiche dicono che entrano a Milano circa 800 mila auto al giorno, un numero ancora troppo elevato che negli anni va assolutamente ridotto. Grazie anche ai fondi del PNRR si procederà nei prossimi anni all’acquisto di sempre più autobus ad impatto zero (completamente elettrici) e all’efficientamento di tutta la rete pubblica, non certo solo di quella metropolitana.

Nuove metro Milano: M6 tra sogno e realtà

La nuova linea della metro Milano denominata M6 è nei progetti comunali da tempo, praticamente da dieci anni. Non è però semplice approvare e costruire una nuova linea: sono necessari studi di fattibilità ben precisi, l’analisi costi-benefici ed ovviamente i fondi.

Al momento, infatti, mancano ancora molti step prima della vera e propria costruzione; la discussione si è arenata, non si parlerà infatti della M6 in maniera concreta finché non saranno terminate le estensioni previste per le altre linee.

Nei progetti del comune possiamo certamente immaginare che si tratti almeno del 2030; questo infrangerebbe il sogno di vedere la linea cosiddetta “rosa” realizzata in pochi anni. Una prima scadenza vedeva il biennio 2022-2023 come periodo di possibile realizzazione, ma i tempi si sono palesemente allungati e ciò non sarà possibile.

In ogni caso, la linea andrà dal nord-ovest di Milano al sud-est, con un numero di fermate ancora da definire. C’è comunque l’idea di sfruttare alcune infrastrutture già presenti per realizzarla con costi inferiori ed in tempi più ragionevoli. Un potenziale compromesso che accontenterebbe i cittadini e che permetterebbe a Milano di vantare una sesta linea metropolitana.

M4, ecco cosa succede

La linea blu, invece, è già stata impostata e dalla fine del 2022 (ma probabilmente slitterà al 2023) potrebbe aprire le porte ai milanesi. Anche in questo caso i tempi si sono allungati in maniera rilevante, perché parliamo di un progetto esistente praticamente dal 2005. A rallentare i lavori ci hanno pensato alcuni ritrovamenti archeologici durante gli scavi e i rallentamenti burocratici, tra finanziatori di questo enorme progetto e iter di approvazione a livello politico.

In ogni caso la linea blu vedrà la luce tra relativamente pochi mesi, con la fermata di Linate (luogo dell’aeroporto) già pronta e operativa per la fine del 2022 o più verosimilmente ad inizio 2023. Sono già previste anche due estensioni che allungherebbero la linea di una fermata da entrambi i capi.

Una volta ultimata, la M4 avrebbe 21 fermate distribuite su 15,2 km circa, con naturalmente stazioni e treni caratterizzate dal colore della linea, il blu.

La M4 è ben più concreta e pronta ad arrivare nei prossimi mesi e anni. Una linea che permetterebbe di rendere l’aeroporto di Milano raggiungibile in metropolitana.

Espansioni in arrivo

Come detto nel primo paragrafo, a bloccare i lavori per una possibile M6 sono anche i numerosi progetti di espansione delle linee già esistenti. Infatti, la costruzione di una metropolitana non è mai semplice: servono fondi, permessi, studi di fattibilità ed anche un certo consenso da parte dei cittadini.

La prima di cui sono previste estensioni è la M1, che dovrebbe allungarsi da entrambi i capolinea: da una parte con due nuove fermate verso Baggio con 3,5km in più, mentre dall’altra verso Monza-Cinisello con un prolungamento di 1,9km.

Un’altra estensione è prevista sulla M5, che secondo i progetti potrebbe raggiungere addirittura 12 fermate (per ben 13km di lunghezza) verso Monza. Un progetto ambizioso che porterebbe la metropolitana a superare i confini della provincia di Milano diventando a tutti gli effetti anche della provincia di Monza.

Un altro progetto importante di cui si parla da anni è legato alla M2, la linea verde, che vuole essere prolungata dall’attuale Cologno fino a Vimercate. Questo supererebbe di molto il confine del milanese e raggiungendo così quella che è ben più che periferia del capoluogo lombardo. Le nuove fermate sarebbero 6 ed attraverserebbero 5 diversi comuni fino a raggiungere proprio Vimercate.

Infine, anche per la M3 ci sono progetti di espansione importanti, fondamentali per ridurre il traffico sulla Milano-Meda ed anche sulla Rho-Monza, oltre che della cosiddetta “paullese” a sud. Si parla di ipotesi, per ora, ma si potrebbe allungare la linea fino a Paderno Dugnano a nord e fino a Crema a sud.

le ipotesi sono molte ed è necessario seguire gli aggiornamenti per vedere l’evoluzione dei lavori e delle scelte della classe politica. I tempi sono e saranno lunghi ma la nona metropolitana d’Europa per lunghezza non può che espandersi ancora.

Condividi sui social:

0 CommentiChiudere commenti

Lascia un commento

Iscrivit alla nostra newsletter’