11 Novembre 2022, 16:48

Vuoi abbellire il tuo terrazzo ma non sei esperto di green decor? Con qualche semplice dritta è possibile realizzare un terrazzo green ed esteticamente bello, senza doverti necessariamente rivolgere ad un professionista.

Infatti, è sufficiente un po’ di passione e il cosiddetto pollice verde. In generale lo spazio esterno viene trascurato un po’ rispetto alla cura che si mette nell’arredamento degli interni; in realtà ottenere un effetto bello e curato è molto più semplice di quanto sembra. Se dovessi appassionarti a questo ambito, abbiamo stilato una piccola guida sulla professione del Garden Designer.

Green decor: di cosa si tratta?

Il green decor è l’arte di arredare con le piante, cioè di dare un valore aggiunto ad un certo spazio attraverso l’utilizzo del verde. Ovviamente, il termine decor ci fa comprendere che il primo obiettivo è ottenere un effetto esteticamente piacevole; in realtà anche il green decor ha l’obiettivo di essere funzionale, proprio come l’arredamento in qualunque altro spazio della casa.

Essere funzionale significa essere comodo, compatibile con le azioni che quotidianamente svolgiamo in quella zona della casa e, non di meno, di semplice mantenimento. Non tutti possono infatti dedicare diverse ore alla settimana alla cura della propria zona green e, per questo motivo, è necessario avere un occhio anche alla semplicità.

Ci sono numerose piante e fiori esteticamente molto belli che possono fare al caso tuo e che daranno una marcia in più al tuo balcone o terrazzo senza richiedere un impegno eccessivo in termini di mantenimento. Proviamo a vederne qualche esempio nel prossimo paragrafo.

Quali piante scegliere per il terrazzo?

Abbiamo compreso che ci sono numerosi esempi di piante adatte al terrazzo, ma proviamo ora a vederne qualcuna più nello specifico. Per terrazzi e balconi, il bosso e la sansevieria sono due ottimi esempi; il primo è una pianta perenne che richiede una manutenzione minima (e gli basta poca luce), mentre la seconda ha un mantenimento altrettanto semplice ed è detta la “pianta serpente” per la sua capacità di svilupparsi in altezza, una caratteristica che potrebbe dare un bel valore aggiunto al tuo balcone o terrazzo.

Altro interessante elemento sono gli olivi nani, che possono crescere in vaso e sono piuttosto resistenti. Hanno bisogno di poca acqua e, anche se non producono frutti, una piccola potatura può farli vivere a lungo e molto meglio.

Per chi ama il bamboo, uno spunto interessante è la Phyllostachys Humilis, pianta dalle canne sottili e ottima per dare un tocco orientale e ornamentale al proprio spazio green. Purtroppo, come tutti i bamboo, richiede una manutenzione più intensa e soprattutto d’estate, oltre all’acqua quotidiana, può essere necessario nebulizzare acqua sulle foglie.

Un vero e proprio classico quando si parla di green decor è il ficus, di cui ci sono diverse tipologie anche molto diverse tra loro. I ficus possono crescere molto, ma in generale si adattano ad una luminosità anche ridotta, elemento fondamentale se si tratta di terrazzi o balconi non esposti direttamente al sole.

Per chi ama il colore

Se si vuole invece dare un bellissimo tocco di colore, un ottimo elemento decorativo è la Dipladenia, pianta rampicante che può raggiungere praticamente ogni angolo del tuo terrazzo e che, quando finalmente fiorisce, regala uno spettacolo meraviglioso. Con questa pianta è necessario concimare annualmente prima della primavera e scegliere una zona ad alta luminosità.

Concludiamo con gli agrumi, un altro elemento decorativo meraviglioso nel periodo in cui danno i loro frutti ma anche di più difficile mantenimento: queste piante temono il freddo, hanno bisogno di una leggera potatura ogni due o tre anni e richiedono un’irrigazione molto regolare in estate. Il più semplice da coltivare è il limone rosso, ma una volta presa dimestichezza ci si può cimentare anche con gli altri agrumi.

Questi erano alcuni suggerimenti per dare colore, vitalità e ossigeno (letteralmente) al proprio terrazzo o balcone, senza per forza dover affrontare una lunga manutenzione ogni giorno o ogni settimana. Naturalmente, il suggerimento è quello di sperimentare e di mettere in prima posizione il benessere delle piante, scegliendo soluzioni compatibili con il proprio balcone o terrazzo in termini di luminosità e temperatura.

Condividi sui social:

0 CommentiChiudere commenti

Lascia un commento

L'azienda

© 2022 Wikicasa di Wikicasa S.r.l. | Via Ascanio Sforza 85, 20141, Milano | P.IVA 08820060963

Iscrivit alla nostra newsletter’