05 Luglio 2022, 14:55

Caro ombrelloni 2022. Purtroppo, stiamo familiarizzando sempre più con il concetto di inflazione, cioè aumento generalizzato dei prezzi. Su alcuni beni, l’aumento è considerevole ed è causato principalmente dalla guerra tra Russia e Ucraina che ha generato un effetto domino che dobbiamo ancora comprendere fino a che punto possa arrivare.

I beni alimentari sono sicuramente tra quelli più colpiti, ma non sono certo gli unici. In alcuni settori, invece, c’è proprio una scarsità di alcuni prodotti che blocca tutta la catena di produzione e di fornitura, come per esempio nell’automotive. In altri settori ancora, la questione è semplicemente legata ai prezzi: ogni aumento di prezzo genera un effetto sui beni correlati ed aumenta la spesa per i cittadini e le famiglie.

È il caso degli ombrelloni in spiaggia. Infatti, chi è abituato a trascorrere la propria estate al mare sa che un ombrellone e due lettini possono costare molto per un’intera giornata e negli anni i prezzi non hanno fatto altro che aumentare. Inoltre, proprio in queste settimane si parla dei costi che i lidi devono sostenere per poter effettivamente esercitare la propria attività su spiagge che altrimenti sarebbero pubbliche.

Caro ombrelloni: la situazione nelle spiagge italiane

Quanto costa il noleggio di un ombrellone e due lettini in una spiaggia italiana? Beh, costa certamente in base alla spiaggia ed alla zona, con differenze abissali tra un posto e l’altro. In alcuni casi a comandare è la bellezza del mare e l’esclusività della zona, mentre in altri è semplicemente questione di domanda-offerta. La domanda aumenta anno dopo anno, mentre l’offerta rimane la stessa.

Ma a quanto ammonterà il caro ombrelloni 2022? Risponde a questa domanda un’analisi di Altroconsumo, con l’obiettivo naturalmente di tutelare i consumatori ed offrire una panoramica della situazione attuale nelle spiagge italiane.

Le località analizzate sono le seguenti: Lignano, Rimini, Senigallia, Viareggio, Palinuro, Alassio, Gallipoli, Alghero, Taormina, Giardini Naxos e Anzio. La più cara è risultata Alassio, con ben 380 euro per una settimana, seguita da Gallipoli dove però si spende sensibilmente meno, circa 282 euro. A chiudere la classifica, lasciando in mezzo tutte le altre, c’è Senigallia: “solo” 129 euro per una settimana.

Si capisce, con questi numeri, che il servizio base ombrellone più lettini in spiaggia non è alla portata di tutte le famiglie, anzi moltissime devono optare per la spiaggia libera portando l’occorrente in maniera autonoma. Una soluzione ottima, naturalmente, ma quasi costretta considerando i prezzi appena visti.

Quanto è stato l’aumento nel 2022 rispetto al 2021

Il vero problema, però, non sono solo i dati visti in precedenza, ma piuttosto il divario tra 2021 e 2022. Un divario importante, emerso sempre dallo studio di Altroconsumo: il caro ombrelloni dalla scorsa estate è intorno al 10%.

Una differenza importante, soprattutto considerando l’intervallo di tempo. Il 10% potrebbe infatti non sembrare una percentuale da far girare la testa, ma un aumento del genere in un solo anno è ai limiti del preoccupante.

Gli italiani stanno sicuramente accusando il colpo e questa tendenza generalizzata tocca anche aspetti ben più importanti della vacanza, comunque molto importante per le famiglie. Risolvere il problema dell’inflazione è complesso, ma ciò che è attualmente nel potere dei cittadini, per quanto banale, è sicuramente la scelta di soluzioni differenti che potremmo definire “low cost”. Il costo della vacanza per una famiglia è infatti rilevante, basti pensare al caro carburante, all’aumento dei costi delle strutture ricettive ed infine anche degli ombrelloni per capirlo; quindi, anche piccoli accorgimenti potrebbero fare la differenza sulla sostenibilità di una vacanza di una settimana al mare.

Condividi sui social:

0 CommentiChiudere commenti

Lascia un commento

Iscrivit alla nostra newsletter’