Manutenzione casa: a chi affidarsi per le riparazioni domestiche

All’interno di ogni casa si presenta di frequente la necessità di effettuare delle riparazioni. Che siano esse di natura idraulica, elettrica, interventi in muratura o su infissi e porte, è molto importante sapere a chi affidarsi per ogni tipologia di problema e riuscirà ad ottemperare in modo adeguato. Per gli amanti del fai da te non sorgeranno grandi problemi. Con un pizzico di manualità e le giuste indicazioni (facilmente reperibili in internet) si potrà risolvere in modo abbastanza semplice.

Ma cosa succede se le riparazioni da fare sono di calibro più importante e non si è in grado di risolvere da soli? Alla luce di queste osservazioni, risulta molto importante capire quando è necessario affidarsi ad un tecnico per le riparazioni domestiche e quale figura professionale bisogna chiamare, relativamente al problema da risolvere.

Quali sono le figure da contattare per le riparazioni in casa

In base alla tipologia di problematica, possiamo genericamente riassumere le figure professionali da chiamare in relazione alla riparazione:

  • Idraulico: per problemi che vedono coinvolto l’impianto idraulico e termo-idraulico, la caldaia e il condizionatore, affidarsi ad un idraulico non è mai sbagliato. Ovviamente ci sono anche figure specializzate in un determinato genere di riparazione, ma chiamando uno specialista delle riparazioni idrauliche dovresti stare abbastanza tranquillo;
  • Fabbro: Per problemi con porte, serrature e infissi la figura da contattare è sicuramente il fabbro, il quale può effettuare interventi di apertura porte, cambio serratura e riparazioni su serrande. Puoi anche decidere di affidarti ad un servizio fabbro specializzato come quello consultabile qui, attivo nella città di Milano;
  • Elettricista e Antennista: per riparazioni su impianto elettrico e tutto ciò che riguarda la corrente elettrica è necessario affidarsi ad un elettricista, mentre per interventi su collegamento all’antenna la figura da contattare è l’antennista, specializzato in questo tipo di riparazioni.

Tuttavia, i guasti e malfunzionamenti da riparare possono essere di diverso tipo, e dunque è necessario contattare figure che si occupano di determinate tipologie di interventi, laddove si tratti di complicazioni considerevoli.

Chi chiamare in caso di riparazioni urgenti?

Alcune volte la riparazione da effettuare richiede la massima urgenza. È possibile rivolgersi ad un pronto intervento per riparazioni urgenti. Questo tipo di servizio potrà essere utile soprattutto nel caso il problema si presentasse durante il weekend. Di qualsiasi tipo di intervento si avrà bisogno, attraverso un servizio attivo 24h su 24 sarà possibile mettersi in contatto con un tecnico specializzato pronto ad intervenire per una rapida risoluzione del problema.

A carico di chi sono le riparazioni domestiche

Vediamo ora un’altra questione che riguarda le riparazioni domestiche, che si presenta quando c’è l’inquilino da una parte, e il proprietario dell’immobile dall’altra, e bisogna decidere chi dovrà sobbarcarsi la spesa per la riparazione. Nel caso sia necessario effettuare interventi imprevisti, si deve far riferimento al contratto stipulato tra inquilino e proprietario. Se non è specificato il metodo di ripartizione delle spese, allora si dovrà fare riferimento al codice civile. Esso specifica alcune semplici regole da seguire in queste situazioni.

Nel caso in cui il danno sia stato provocato dall’inquilino o in quello in cui non sia stato fatto presente al proprietario di qualunque tipo di problema che ha aumentato il danno stesso, allora sarà proprio l’inquilino a dover provvedere alla riparazione. Il proprietario dovrà invece occuparsi di tutte quelle riparazioni necessarie a mantenere l’immobile in buono stato. Allo stesso modo, anche i danni provocati da terzi saranno a carico del proprietario. Un esempio, potrebbe essere nel caso di un’infiltrazione dal soffitto in seguito alla rottura di una tubatura dell’inquilino del piano di sopra.

Spesso, però, risulta difficile stabilire se si tratti di una spesa ordinaria o di una spesa straordinaria e quindi se debba occuparsene l’inquilino o il proprietario. Tutto questo provoca confusione. Per questo motivo, di seguito, una breve lista delle spese spettanti al proprietario e all’inquilino.

Il primo, dovrà occuparsi di:

  • Riparazione degli impianti;
  • Sostituzione delle rubinetterie, del citofono e dell’allarme;
  • Riparazioni delle parti esterne;
  • Sostituzione degli infissi;

Al secondo, invece, spetteranno:

  • Riparazione o sostituzione di prese elettriche;
  • Manutenzione degli interni;
  • Riparazione di elementi come vetri, maniglie di porte e finestre.

In questo modo è possibile scongiurare qualunque tipo di fraintendimento e contrasto tra le parti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Related Posts