Ecco cosa succede in Gran Bretagna (Paese che, come spesso accade, sta qualche anno avanti rispetto all’Italia) nel settore dei listing immobiliari sul web.

Da febbraio 2015 è online Onthemarket.com, il primo portale inglese direttamente controllato dagli agenti immobiliari.

Non ci dilungheremo su quanto sia bello, veloce, fruibile questo nuovo portale di annunci – anche se, in effetti, lo è – ma piuttosto sulla storia di questo progetto, un esempio di come una categoria professionale si unisce, “facendo sistema”, per difendere il proprio ruolo nel web.

Un po’ di storia.

Nel 2013 nasce Agents Mutual, società fondata dalle 6 maggiori reti di agenzie immobiliari londinesi: Knight Frank, Savills, Strutt & Parker, Chesterton Humberts,Douglas & Gordon  e Glentree Estates.

L’obiettivo é semplice, creare un nuovo portale immobiliare che possa garantire agli agenti immobiliari un canale terzo rispetto ai due operatori leader di mercato in Gran Bretagna, Rightmove e Zoopla.

 

Negli ultimi anni infatti i due leader di mercato hanno raggiunto una posizione di duopolio, grazie alla quale hanno potuto incrementare i costi degli abbonamenti fino ad arrivare a rispettivamente 637GBP e 311GPB mensili per agenzia.

Questo significa 7.644 GBP e 3.732 GBP annui, al cambio odierno rispettivamente €10.218 e €4.989.

Entrambi i due portali sono quotati alla London Stock Exchange e le dimensioni dei due operatori sono lontane da quelle del mercato nostrano:

 

Valuation Profile Income statement
Company name Exchange Currency Mkt Cap Employees Revenue Net income EBITDA
RMV Rightmove Plc LON GBX 3.71B 349 167.01 96.18 122.04
ZPLA Zoopla Property G… LON GBX 854.55M 217 107.56 25.38 33.58

 

Giusto per curiosità, Rightmove -un portale di annunci immobiliari- capitalizza in borsa (ha un valore totale) maggiore rispetto al terzo gruppo bancario italiano, ossia Monte dei Paschi di Siena.

 

RMV

Immagine

ZPLA

2

 

 

 

 

 

 

 

 

Fate attenzione agli andamenti dei due titoli azionari, uno ( Rightmove) in crescita, l’altro ( Zoopla), in calo, poi cercheremo di capirne il perché..

La strategia.

La strategia del nuovo portale Onthemarket.com é piuttosto semplice, unire le forze per perseguire un obiettivo comune a tutti gli agenti immobiliari anglosassoni:

Visibilità web del proprio portafoglio immobiliare,
 con regole e prezzi chiari e trasparenti per tutti.
Il vantaggio competitivo nel web é rappresentato dai contenuti, non dai contenitori

Il progetto si basa su una strategia piuttosto aggressiva, ossia quella di puntare a contrastare  i big players del mercato “svuotandoli” di contenuti e riducendo di conseguenza il budget a loro disposizione per acquistare visibilità (online e offline).

Questa strategia si é tradotta nel cosìdetto modello “one other portal” nel quale si propone agli aderenti di Agents Mutual di listare i propri annunci al più su uno soltanto dei due portali commerciali competitor, Zoopla o Rightmove.

Un’equazione elementare che porta risorse nuove ad un operatore che difende gli interessi della categoria, togliendole ad un operatore commerciale che persegue evidenti finalità di profitto e di distribuzione di utili, ovviamente legittime.

Altra direttiva, altrettanto interessante, é stata quella di suggerire ai propri aderenti di ritardare la pubblicazione sugli altri portali di 48 ore, in modo tale da rendere Onthemarket.com il portale numero uno in termini di aggiornamento e freschezza delle informazioni.

Gli agenti hanno iniziato a sfruttare la loro visibilità su strada per promuovere il loro portale:

Si è aperto un dibattito molto interessante in materia e i pareri sono i più disparati.

Quello che si può notare é che la strategia di Agents Mutual non é passata inosservata ai mercati azionari, infatti Zoopla, il numero due in Gran Bretagna, ha subito e subirà un notevole numero di disdette… disdette che si tradurranno in minori ricavi, profitti ed un evidente calo del valore del titolo (vedi grafico precedente).

Al momento le due associazioni di categoria (ARLANAEA) hanno deciso di promuovere il progetto e stanno dalla parte di Agents Mutual e di Onthemarket.com, non senza aver suscitato malumori tra alcuni aficionados, non molti, della pubblicazione “sparatutto” sul maggior numero di portali, perché,  a loro dire, più si spara più si colpisce, e limitare le pubblicazioni dei listing sul web potrebbe portare a minori risultati per i clienti..il dibattito é aperto!

Il portale ha già raccolto 9 milioni di pounds (12 mln di €) in finanziamenti e contratti di abbonamenti per un valore di più di 10 milioni di pounds (13,4 mln €), coinvolgendo circa 4.600 agenzie immobiliari, la battaglia ha inizio…

Come andrà a finire?

Difficile dirlo, soprattutto oggi… Il  portale Onthemarket.com é ancora in uno stato embrionale e necessiterà di ingenti investimenti per poter raggiungere i livelli di visibilità offerti dai due competitor.
Una cosa é sicura però: gli agenti immobiliari inglesi hanno capito l’importanza di controllare il business dei listing immobiliari sul web per poter preservare il ruolo della propria categoria professionale e per evitare di rimanere aggiogati alle dinamiche commerciali dei grandi editori online…é nato un nuovo operatore che si giocherà le sue carte, ma che conta su un vantaggio in più rispetto ai loro competitor, hai i propri clienti dalla loro parte!

 

Condividi sui social:

2 CommentiChiudere commenti

2 Commenti

  • Posted 2 Febbraio 2016 at 16:24 0Likes

    WikiRe ha ottenuto il sostegno istituzionale di FIMAA nel dicembre 2015. Ci auguriamo che anche le altre associazioni di categoria vogliano unirsi presto al progetto.

  • Virgilio
    Posted 2 Febbraio 2016 at 15:30 0Likes

    Anni luce avanti a noi. Sono dieci anni che ripeto queste cose e che non pubblico sui portali italiani che tutto fanno, fuorché gli interessi degli agenti immobiliari ( v. immobiliare.it che addirittura adesso pubblicizza la vendita one to one, esautorando la figura dell’intermediario).
    Ma dove sono Anama, Fimaa e Fiaip, non dovrebbero essere i primi a promuovere una cosa così importante per la categoria?

Lascia un commento

Iscrivit alla nostra newsletter’