Sogni di passare le tue vacanze in appartamenti lussuosi e ville affascinanti con vista mozzafiato ma il tuo budget non te lo permette? Nessun problema, con l’“house sitting” è finalmente possibile vivere esperienze indimenticabili mantenendo un profilo low cost.

L’“House sitting” si presenta infatti come una soluzione alternativa alla classica casa vacanza. Permette infatti di soggiornare gratuitamente in appartamenti da sogno in cambio della cura dell’immobile in assenza dei proprietari.

House sitting: cos’è e come funziona

Da tempo diffuso in tutto il mondo e recentemente sbarcato anche in Italia, l’House Sitting, dall’inglese “to house sit”, letteralmente “prendersi cura della casa”, deriva dalla cultura di assentarsi per brevi, medi o lunghi periodi e di delegare la cura della propria casa ad altre persone, offrendo a queste ultime la possibilità di alloggiare gratuitamente.

Il gioco è semplice e i ruoli sono ben definiti: da una parte ci sono gli owners, i proprietari, i quali possono assentarsi tranquillamente delegando la cura della propria casa e dei propri animali a costo zero, dall’altra gli house sitters, chi si prende cura della casa, i quali possono in questo modo usufruire della proprietà lasciata loro in custodia abbattendo al massimo i costi per il soggiorno.

Come accedere agli annunci

I network di house sitting sono sempre più diffusi e permettono di collegare gli owners e gli house sitters in maniera semplice ed intuitiva. Se da una parte gli owners caricano i propri annunci mostrando le proprie case da sogno e dettando le condizioni per poter accedere alle proprietà, dall’altra, gli house sitters, rispondono agli annunci pubblicati nell’attesa di essere selezionati come “custodi” della casa dei desideri.

Una volta iscritti ad una delle tante piattaforme di house sitting, lo step successivo è quello di curare la propria web reputation e di dimostrare, attraverso i propri profili social, di essere persone responsabili su cui poter fare affidamento. L’immagine di sé fornita attraverso le pagine social, verrà poi riconfermata dai vari proprietari attraverso i feed lasciati sui profili degli house sitters e, allo stesso modo, gli house sitter, potranno lasciare le proprie recensioni sull’immobile e sull’esperienza vissuta con il proprietario. Entrambe le parti acquisteranno in questo modo crediti ed aumenteranno la possibilità di essere contattate.

House sitting: è sicuro?

Come molti altri siti, le piattaforme di house sitting hanno un sistema di feedback per valutare entrambe le parti e, al fine di offrire un servizio che tuteli e che garantisca sicurezza ad owners e sitters, i dati personali sono soggetti ad autentificazione e, su richiesta, è possibile mettere a disposizione la propria fedina penale. Inoltre, gli owners possono acquistare pacchetti assicurativi in modo tale da coprire eventuali danni ad oggetti o all’immobile stesso.

Le piattaforme più utilizzate

Se vuoi toccare con mano il mondo dell’house sitting, segnaliamo alcune delle piattaforme più conosciute ed utilizzate:

  •  MindMyHouse, tra i più utilizzati al mondo, offre la possibilità di stipulare veri e propri contratti tra l’owner e l’house sitter.
  • TrustedHousesitter, studiato per chi ama gli animali, offre il supporto di esperti veterinari contattabili H24, 7 giorni su 7, sia dagli owners sia dagli house sitters.
  • Housecarers, è caratterizzato da un ampio database di owners tra cui poter scegliere.

Consigli utili

Se il mondo dell’house sitting è del tutto nuovo, ecco alcuni consigli efficaci.

Se si è owner si consiglia di:

  • Pubblicare l’annuncio qualche mese prima rispetto alla propria partenza in modo tale da avere più tempo per selezionare gli house sitters;
  • Pubblicare annunci ben impostati esplicitando in maniera chiara i compiti che l’house sitter dovrà svolgere (cosa, quanto e quando deve mangiare il proprio animale, se e quali medicine deve assumere, chi contattare in caso di emergenza) e tutto ciò che potrà rendere piacevole la sua permanenza (wi-fi, indicazioni su cosa vedere in zona, dove mangiare o fare la spesa, etc)
  • Rispondere a tutti e cancellare l’annuncio una volta trovata la persona giusta

Se si è house sitter invece occorre:

  • Creare un profilo accattivante in cui si parla di sè e delle proprie esperienze e passioni
  • Essere trasparenti: l’onestà e la sincerità sulle proprie esperienze e competenze paga sempre
  • Leggere bene l’annuncio: è importante informarsi su cosa chiede il proprietario e in caso di dubbi fare domande

L’House sitting è dunque il connubio perfetto tra le esigenze dei proprietari di casa ed i sitter: i primi potranno spostarsi tranquillamente lasciando la propria casa e i propri animali in buone mani, i secondi invece potranno viaggiare ed esplorare nuove località abbattendo al massimo i costi di prenottamento.

Condividi sui social:

0 CommentiChiudere commenti

Lascia un commento

Iscrivit alla nostra newsletter’