L’allergia non vi da tregua?  Siete stanchi di continui starnuti, naso che prude, gola irritata, occhi lacrimanti e fastidi di ogni genere? Sappiate che il pericolo di asma, congiuntiviti e reazioni cutanee non è solo causa dei pollini che si trovano all’aria aperta, infatti spesso gli agenti allergici si annidano tra le mura domestiche. Come proteggersi quindi? Ecco alcuni consigli per ridurre le manifestazioni allergiche in casa.

1. I principali portatori di allergeni siamo noi!

Ogni giorno portiamo in casa polvere e sporcizia dalla strada, a cui si aggiungono i pacchi della posta, i vasi e le fioriere lasciati davanti all’entrata, la polvere che si accumula sullo zerbino e via dicendo. Per limitare tutto ciò, sarebbe meglio cercare di tenere vasi, portaombrelli ed altri oggetti esterni leggermente più lontani dall’entrata vera e propria, e lavare spesso capelli e vestiti, soprattutto se si è stati a lungo all’aperto.

bambini-allergici-alla-polvere-rimedi

2. Tenere sotto controllo l’umidità

Il livello di umidità deve essere sempre intorno al 50%. Un ambiente troppo umido, infatti, favorisce la proliferazione di acari, mente un ambiente troppo secco aiuta la circolazione della polvere: usate sempre l’aspirapolvere, la scopa elettrica o i panni elettrostatici: le scope normali si limitano a spostare polvere e sporco senza risolvere il problema.

3. Prestare attenzione ai filtri

Polvere e lanugine si accumulano molto facilmente nel filtro dell’asciugatrice: tenetelo pulito per evitare che la polvere si accumuli e si disperda negli ambienti causando reazioni allergiche. Lo stesso vale per i filtri dei condizionatori: lavateli accuratamente con abbondante acqua calda e detersivo per i piatti e asciugateli prima di riporli.

4. Addio tappeti

Benché siano un elemento di arredo di grande fascino, i tappeti attirano di tutto: dalla polvere ai peli degli animali, dai capelli alle briciole. La cosa migliore sarebbe di limitare l’uso dei tappeti allo stretto indispensabile. Tra i residui di cibo, la muffa, gli acari e la sporcizia che portiamo in casa con le scarpe, i tappeti si rivelano davvero tane per batteri e germi. Se proprio non potete fare a meno di averne, cercate di pulirli regolarmente, sbattendoli con forza con il batti panni su entrambi i lati e passandoli poi con un panno imbevuto di acqua tiepida.

come-arredare-con-i-tappeti_53ce308f89d0dd33282dca0a0c068ff8

5. Usate sempre uno straccio umido o il mocio

Dopo aver rimosso lo strato di polvere con l’aspirapolvere o il piumino elettrostatico, passate sempre un panno umido: questo “intrappolerà” la polvere impedendole di risollevarsi e volare in giro per la casa.

6. Divani, cuscini, materassi e tende

Il materasso é un altro di quei posti che pullula di acari… lo sapevate che se ne possono trovare al suo interno fino a 10 milioni? L’ideale sarebbe utilizzare regolarmente il battipanni, aspirare la polvere e girare il materasso periodicamente. Un altro accorgimento al quale si può ricorrere è di acquistare lenzuola e coprimaterasso antiallergici, così da limitare il rischio di asma e da proteggere il materasso da acari e polvere. Divani, cuscini e tende vanno puliti periodicamente, non sono con l’aspirapolvere ma lavando fodere e tendaggi in lavatrice a 30 gradi. Non c’è bisogno di utilizzare quantità eccessive di detersivo perché è proprio l’acqua ad avere l’effetto maggiore sui pollini.

7. Non trascurare gli angoli alti e nascosti

La polvere si accumula molto facilmente su mobili pensili e armadietti: un modo per limitare questo problema è di proteggere queste superfici con dei fogli di giornale, e cambiarli una volta ogni tanto. Così evitate l’accumularsi di sporcizia e polvere e renderete più facili le prossime pulizie di primavera!

dusting

8. Tenere puliti sgabuzzini e dispense

È molto comodo avere una stanza in casa dove si possono accumulare diversi oggetti: dal ventilatore che torna in uso durante i mesi estivi, agli scarponcini da montagna, ad orologi da muro rotti, a quel regalo che proprio non ci è piaciuto… purtroppo però più si accumulano cianfrusaglie, più si creano spazi e luoghi amati dalla polvere. È importante pensare a ricoprire gli oggetti e proteggerli da polvere e umidità con cellophane o altri materiali, e di sicuro è buona norma cercare di buttare il superfluo regolarmente.

pulizie-e-sanificazione-donna-pulizie

9. Attenzione ai peluches

Per quanto i vostri bambini possano amare i loro peluche e pupazzi di pezza, questi sono delle calamite per la polvere. Sarebbe meglio ridurli al minimo e pulirli regolarmente: lavateli in lavatrice almeno una volta al mese e se usate l’asciugatrice ricordatevi di pulirlo regolarmente.

photo-20150528155310943

10. Evitare prodotti di pulizia con profumazioni forti

Gli additivi usati per la profumazione potrebbero scatenare una reazione allergica. State anche attenti agli altri ingredienti, che potrebbero dare pruriti o irritazioni sulla pelle – meglio optare per prodotti semplici, senza ammoniaca o profumanti, o ancora meglio usare dei prodotti naturali!

Condividi sui social:

0 CommentiChiudere commenti

Lascia un commento

Iscrivit alla nostra newsletter’