NAR & OID: da oggi anche gli agenti immobiliari italiani possono diventare Realtor©

La NAR (National Association of Realtors) con oltre 1,3 milioni di tesserati è la più grande e importante associazione di categoria di agenti immobiliari al mondo, riunisce gli agenti immobiliari degli Stati Uniti d’America. La NAR fu fondata nel 1908 a Chicago, con l’obiettivo di riqualificare i professionisti del settore immobiliare, attraverso l’istituzione di un codice etico le cui regole devono essere rispettate e condivise da tutti gli associati.

Attualmente il codice etico della NAR rappresenta un punto di riferimento importante per la normativa in tema di compravendita immobiliare di tutti gli Stati americani e un punto di riferimento a livello internazionale per statuti e codici delle associazioni di categoria di tutto il mondo.

Solo associandosi alla NAR un agente immobiliare può acquisire il titolo di Realtor, titolo che designa la facoltà di svolgere l’attività di intermediazione immobiliare in tutto il mondo.

Attraverso un accordo stretto tra la NAR e OID (Osservatorio Immobiliare Digitale) oggi anche in Italia è possibile accreditarsi come Realtor. OID ha infatti attivato i percorsi di formazione per il rilascio delle ambite designazioni NAR, che certificano il possesso di competenze d’eccellenza.

Cos’è OID?

Fondato da Diego Caponigro – già ideatore di Regold.it, azienda di servizi professionali per agenti immobiliari, e fondatore del premio Real Estate Awards – OID, Osservatorio Immobiliare Digitale, è un’associazione a cui possono associarsi esclusivamente agenti immobiliari professionisti. Fornisce formazione, servizi e assistenza ai propri associati per promuovere competenze, azioni di miglioramento e sviluppo professionale. Una parte dell’attività di OID consiste nell’osservazione e l’analisi del mercato immobiliare e dei più importanti operatori economici del settore.

“La strada per la professione di agente immobiliare, vista l’ondata digitale legata al proptech, è quella della specializzazione,- spiega Caponigro – La digitalizzazione dei processi mette infatti in discussione il mestiere dell’agente immobiliare tradizionale. Ecco perché occorre che l’agente immobiliare diventi in grado di fornire servizi esclusivi e sia riconoscibile come professionista di fiducia anche dal cliente. Il modo con cui ReGold ha pensato di realizzare questa via è un accordo tra OID e Nar-Realtor, per portare anche in Italia le “designazioni” internazionali che costituiscono per gli agenti immobiliari un bollino di qualità”.

Per approfondimenti: https://www.osservatorioimmobiliaredigitale.it/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *