La compagnia low cost Ryanair ha annunciato un investimento da un miliardo di euro nel territorio Italiano. L’amministratore delegato della compagnia low cost irlandese, Michael O’ Leary, ha infatti comunicato che verranno allocati al mercato italiano 10 nuovi aerei e aperte 44 nuove tratte, 23 di queste dedicate agli aeroporti regionali.

La notizia, oltre a favorire il turismo in Italia, è stata accolta positivamente anche dagli operatori immobiliari, preannunciando un ulteriore incremento di richieste d’acquisto di case vacanze da parte di investitori stranieri.

L’interesse per il nostro Paese non è mai diminuito: nonostante la crisi geopolitica attuale e la Brexit, si continua a guardare all’Italia come destinazione ideale e questo è un incentivo per l’immobiliare che non è scollegato da tutto il resto: turismo, ricettività, enogastronomia, artigianato e made in Italy. Senza tralasciare il settore dell’edilizia e le maestranze dell’artigianato, richieste dagli stranieri nei progetti di ristrutturazione.

La possibilità di raggiungere l’Italia con rotte dirette e più convenienti facilita chi vuole realizzare il sogno di comprare casa in Italia. Non solo benestanti e miliardari, che continuano a mantenere in salute il segmento lusso, ma anche coloro che vogliono investire i loro risparmi. Come i pensionati, soprattutto tedeschi inglesi o americani, che fino ad ora hanno rappresentato una buona fetta del mercato.

In linea con i trend rilevati nei report periodici diffusi dai portali immobiliari, le richieste di immobili continuano ad aumentare, soprattutto da parte di investitori tedeschi, olandesi e danesi. Nel 2017, si prevede invece un incremento da parte delle nazioni in cui saranno implementati i nuovi collegamenti aerei, come la Polonia e il Lussemburgo.

Con le nuove tratte aeree low-cost, le occasioni per vendere casa agli stranieri si moltiplicheranno, dando vita in questo modo a nuove possibilità di business per le agenzie immobiliari italiane.

Condividi sui social:

0 CommentiChiudere commenti

Lascia un commento

Iscrivit alla nostra newsletter’