• Filtri
  • Via Case Sparse 57, Castelletto Molina

    Casa indipendente

    • 120 m2
    • 6  Locali
    • 2  Bagni

    35.000

    La casa in posizione collinare è la tipica cascina piemontese ed è contornata da ampi spazi verdi cintati. Questa soluzione necessita di ristrutturazione e il prezzo competitivo consente di personalizzarla in base ai propri gusti. La proprietà inoltre dispone di alcuni terreni agricoli di circa 18.000 metri, di un ampio locale di sgombero adiacente e infine un ex fienile posto nella parte retrostante sfruttabile secondo le esigenze. Gli ingressi principali per accedervi sono due, quello carraio, accessibile tramite un cancello in ferro, e quello pedonale che conduce all’ingresso dell’unità abitativa. Il piano terreno può essere dedicato alla zona giorno con salotto e cucina, la quale date le dimensioni è considerabile tranquillamente abitabile. Attualmente è dotata di un punto acqua e di un ripostiglio comodo. La scala in pietra centrale porta al piano superiore. Dal disimpegno è accessibile la portafinestra che conduce sul balcone, le camere sono tre di generose dimensioni. Il bagno è dotato di una portafinestra che conduce sull’ampia terrazza con affaccio sul giardino nel retro della casa.

  • Castelletto Molina

    Villa

    • 400 m2
    • 10+  Locali

    168.000

    Stupenda Villa Liberty situata sulle colline dell''Alto Monferrato- patrimonio dell''Unesco. La proprietà di circa 400 mq è da ristrutturare ed e composta da cucina , sala con soffitti affrescati, cantina con volte in mattoni antichi a vista, ampio porticato utilizzato come deposito di attrezzature agricole e un locale uso magazzino al piano terra. Al piano primo troviamo quattro camere un bagno, un locale da riconvertire in camera e un ampio fienile con tetto a vista. Al secondo piano troviamo due camere e al piano terzo una soffitta di 70 mq. Dalla proprietà si può raggiungere a piedi il piccolo paese dove si erge un antico Castello. La proprietà è immersa in mq.....circa di terreno

  • Castelletto Molina

    Palazzo

    • 1.200 m2
    • 10+  Locali
    • 4  Bagni

    885.000

    Di origine medievale il castello di Castelletto Molina incastonato in un rigoglioso parco a vegetazione mediterranea è tutt’ora circondato da imponenti muraglioni un tempo merlati alla ghibellina a guisa delle coeve cinque torri: il “torrione” principale a base rotonda, mozzato nella parte superiore; la “torre dei prigionieri” a base di scarpa e a corpo cilindrico culminante con una merlatura ghibellina, la “torre di guardia” a pianta quadrangolare; la “torre del Belvedere” anch’essa a base quadrata formante un corpo avanzato e la “torre di vedetta” a sbalzo dal prominente sperone delle mura. Le torri, che vennero ricoperte con tetti nel XVI secolo, conservano le merlature originarie con presenza di numerose feritoie. All’interno del complesso si trovano due edifici: uno civile denominato “il Palazzo”, probabilmente ricostruito intorno al 1670 dalla contessa Ottavia Thea Porta, e l’altro detto la “Casa Rustica”. Il Palazzo è composto da numerosi saloni , imponente quello d’entrata (caratterizzato da un pregevole soffitto ligneo a cassettoni) accanto al quale è situata una Cappella Gentilizia con al suo interno un pregevole dipinto di San Francesco da Paola; Gli interni sono disposti su 3 livelli oltre alle cantine nel seminterrato. Alcune feritoie del terzo piano rivelano l’uso, nel periodo più recente di vita del castello (XVII e XVIII secolo) di armi da fuoco a media-corta gittata. La torre conteneva le antiche carceri e una prigione sotterranea con un accesso al piano e due a botola. Il castello per gran parte convertito in residenza di campagna oggi è suddiviso in tre unità immobiliari nel corpo principale (il Palazzo); La “casa rustica” con unità immobiliare ad uso abitativo su due livelli, grande cantina al seminterrato, ampi porticati al pian terreno e al piano primo; La storicità di questo maniero è riportata in un affresco del XVI secolo, dipinto da frate Ignazio Danti di Perugia. (l’affresco si trova nella Galleria dei Musei del Vaticano detta “delle Carte Geografiche” dove sono stati dipinti sui muri e sulle volte molti altri castelli e chiese d’Italia).

  • Castelletto Molina

    Rustico

    • G
    • 545 m2
    • 6  Locali
    • 2  Bagni

    90.000

    La proprietà, situata tra le colline dell’alto Monferrato è a pochi passi dal centro paese di Castelletto Molina e circondata da rigogliosi vigneti e gode di una bella vista panoramica. Il casale, adatto anche per uso bifamiliare e/o per uso ricettivo, è di circa 545 mq, è indipendente 3 lati e ha un’area pertinenziale di 1.022 mq. - Piano terra: 2 ingressi, 2 cucine, tinello, 2 camere, 2 locali deposito attrezzi e cantina. - Piano primo: 5 camere e 2 bagni. - Piano secondo: 3 camere. Possibilità di acquistare ulteriore terreno, confinante con la casa, pari a mq 14.382 ! Village property with many possibilities ! The property located in the hills of the lovely Monferrato is a short walk from the town center of Castelletto Molina and surrounded by lush vineyards while it also enjoys a beautiful panoramic view. The farmhouse, also suitable for two-family and/or receptive use, is approximately 545 square meters, is independent on 3 sides and has an courtyard area of 1,022 square meters. On the ground floor the house is divided in two separate apartments. Apt A consists of kitchen and livingroom on the ground floor and 2 bedrooms and a bathroom on the first floor. Apt B consist of kitchen, larder and livingroom on the ground floor, 3 bedrooms and a bathroom on the first floor and 3 more rooms on the second floor. In addition, there are the old stables and hayloft, the vaulted cellar and garages. Possibility to purchase additional land, bordering the house, equal to 14.382 square meters

  • Castelletto Molina

    Palazzo

    • 1.200 m2
    • 6  Locali
    • 4  Bagni

    885.000

    Di origine medievale il castello di Castelletto Molina incastonato in un rigoglioso parco a vegetazione mediterranea è tutt’ora circondato da imponenti muraglioni un tempo merlati alla ghibellina a guisa delle coeve cinque torri: il “torrione” principale a base rotonda, mozzato nella parte superiore; la “torre dei prigionieri” a base di scarpa e a corpo cilindrico culminante con una merlatura ghibellina, la “torre di guardia” a pianta quadrangolare; la “torre del Belvedere” anch’essa a base quadrata formante un corpo avanzato e la “torre di vedetta” a sbalzo dal prominente sperone delle mura. Le torri, che vennero ricoperte con tetti nel XVI secolo, conservano le merlature originarie con presenza di numerose feritoie. All’interno del complesso si trovano due edifici: uno civile denominato “il Palazzo”, probabilmente ricostruito intorno al 1670 dalla contessa Ottavia Thea Porta, e l’altro detto la “Casa Rustica”. Il Palazzo è composto da numerosi saloni , imponente quello d’entrata (caratterizzato da un pregevole soffitto ligneo a cassettoni) accanto al quale è situata una Cappella Gentilizia con al suo interno un pregevole dipinto di San Francesco da Paola; Gli interni sono disposti su 3 livelli oltre alle cantine nel seminterrato. Alcune feritoie del terzo piano rivelano l’uso, nel periodo più recente di vita del castello (XVII e XVIII secolo) di armi da fuoco a media-corta gittata. La torre conteneva le antiche carceri e una prigione sotterranea con un accesso al piano e due a botola. Il castello per gran parte convertito in residenza di campagna oggi è suddiviso in tre unità immobiliari nel corpo principale (il Palazzo); La “casa rustica” con unità immobiliare ad uso abitativo su due livelli, grande cantina al seminterrato, ampi porticati al pian terreno e al piano primo; La storicità di questo maniero è riportata in un affresco del XVI secolo, dipinto da frate Ignazio Danti di Perugia. (l’affresco si trova nella Galleria dei Musei del Vaticano detta “delle Carte Geografiche” dove sono stati dipinti sui muri e sulle volte molti altri castelli e chiese d’Italia).