Visualizza come
  • Icona filtri disattivata Filtri
  • Icona ordinamento
  • Casa indipendente in Via Cassetti, Borzonasca - Foto 1
    • Icona planimetria
    • Icona foto12

    • 83 m2
    • 4  Locali
    • 1  Bagno

    25.000

    "IL BOSCHETTO" Potrei sopravvivere alla scomparsa di tutte le cattedrali del mondo, non potrei mai sopravvivere alla scomparsa del bosco che vedo ogni mattina dalla mia finestra. (Ermanno Olmi) Questa citazione è la sintesi perfetta di ciò che vedrete dalla finestra dell'immobile "Il Boschetto". Un appartamento suddiviso su due livelli da realizzare secondo i vostri sogni. L'immobile si presenta in buono stato esternamente corredato da quattro ettari di terreni di varia natura. Un giardino privato circonda la proprietà, mentre il restante dei terreni si suddividono fra prati,boschi e uliveti. L'interno, invece, è suddiviso su due livelli per 83 m/2, un primo piano adatto alle camere mentre il secondo per la zona giorno con cucina. L'immobile necessita di una ristrutturazione per essere predisposto ottimamente ed essere realizzato secondo le vostre esigenze in modo da creare quell'ambiente ottimale in un contesto di assoluta tranquillità; circondati dal verde e dalla bellissima vista sulla valle.

  • Casa indipendente in Via Provinciale 37, Borzonasca - Foto 1
    • Icona foto30

    • D
    • 170 m2
    • 10+  Locali
    • 2  Bagni

    249.000

    Siamo in Località Giaiette, a 940 mt sul livello del mare e a 1,5 km dal Passo del Bocco. Vendiamo Villa indipendente su due livelli ristrutturata con estrema cura. Entrando nella proprietà si passa dal fantastico e generoso giardino con posto auto carrabile. Al piano terra abbiamo un ingresso con cucina sulla destra con vista sul giardino e soggiorno/sala da pranzo. Proseguendo troviamo due ampie camere, un bagno e un ripostiglio. Salendo al primo piano la struttura si sviluppa come al piano inferiore e questo la caratterizza dando un valore aggiunto in quanto è come avere un secondo appartamento. Troviamo: soggiorno/sala da pranzo con cucina a vista e finestrata sul giardino, due camere da letto di generosa metratura e bagno. La scala interna porta ad una mansarda abitabile che segue il perimetro dell'immobile che può essere adibita, come nel caso attuale, ad altra camera da letto per i bambini. La parte esterna si sviluppa su una parte di giardino con prato all'inglese di 350 metri quadri con diversi posti auto carrabili e una parte di cortile allestito con pietre calpestabili di 200 metri dove possiamo trovare zona barbecue, un magazzino e zona giochi. Alle spalle dell'edificio vi è una collina di pini di oltre 500 mq Esposizione a Sud luminosissima e soleggiata. Il territorio di Borzonasca è collocato nell'alta valle Sturla nei pressi della confluenza del torrente Sturla di Carasco con il torrente Penna, a est di Genova. Attraverso il passo della Forcella (875 m) è possibile raggiungere la val d'Aveto e il territorio comunale di Rezzoaglio. Parte del territorio comunale è compreso nei confini del Parco naturale regionale dell'Aveto. Nelle vicinanze del comune, a 14 km a nord dal centro abitato, si trova il bacino artificiale di Giacopiane, costruito sbarrando la valle del torrente Calandrino, che fornisce una centrale idroelettrica. Attraverso alcuni sentieri naturalistici vi è la possibilità di raggiungere diverse vette dell'Appennino ligure quali il monte Penna (1.735 m), il monte Aiona (1.701 m) e il monte Agugiaia (1.090 m). Ai confini amministrativi tra Borzonasca e Mezzanego, presso le pendici settentrionali del monte Zatta (1.404 m), è presente un'ampia faggeta costituita da antichi esemplari. Il territorio fu inizialmente soggetto all'abbazia di San Colombano di Bobbio e poi all'abbazia di Borzone, fino al 1536. Borzonasca è stata crocevia commerciale tra la costa e l'immediato entroterra. Per il suo ruolo strategico vi furono eretti roccaforti e castelli di difesa dai conti Fieschi di Lavagna che dominarono sul territorio in epoca medievale e rinascimentale. Nel vicino passo del Bocco si registrò, nel 1746, la vittoria dell'esercito franco-genovese contro le truppe austriache per il controllo del territorio. Nel 1797 con la dominazione francese di Napoleone Bonaparte rientrò dal 2 dicembre nel Dipartimento dell'Entella, con capoluogo Chiavari, all'interno della Repubblica Ligure. Dal 28 aprile 1798 Borzonasca rientrò nel V cantone, come capoluogo, della Giurisdizione dell'Entella e dal 1803 centro principale del I cantone dell'Entella nella Giurisdizione dell'Entella. Annesso al Primo Impero francese, dal 13 giugno 1805 al 1814 venne inserito nel Dipartimento degli Appennini. Nel 1815 fu inglobato nel Regno di Sardegna, secondo le decisioni del Congresso di Vienna del 1814, che sottopose la municipalità di Borzonasca nella provincia di Chiavari sotto la divisione di Genova. Dal 1859 al 1926 il territorio fu compreso nel I mandamento omonimo del circondario di Chiavari dell'allora provincia di Genova, nel Regno d'Italia. Dal 1973 al 30 aprile 2011 è stata la sede amministrativa e ha fatto parte della Comunità montana Valli Aveto, Graveglia e Sturla.