• Filtri
  • Via delle Torri, Sant'Elia Fiumerapido

    Albergo

    • G
    • 850 m2
    • 10+  Locali

    400.000

    SANT'ELIA FIUMERAPIDO (FR), Palazzetto delle Torri. Bellissimo edificio storico nel cuore del paese, alla Via delle Torri, a pochi passi dal Comune e dalla bella Piazza Risi, ideale per realizzare un affascinante Boutique Hotel. Il Palazzetto si distribuisce su tre piani, due oltre il piano terra, con il bellissimo portone principale di accesso al grande atrio di accoglienza con l'ampia scala di collegamento ai piani superiori ed altre quattro entrate indipendenti ai numerosi locali terranei. Al piano terra si trovano, oltre all'atrio, nove ampi locali a vario uso, comprese le suggestive cantine, ai quali locali si può accedere anche attraverso altre quattro porte su strada. I due piani superiori, collegati dalla comoda scala di bella fattura, sono adibiti all’uso abitativo e comprendono nel loro insieme, tre grandi saloni di rappresentanza, la sala del grande camino, sei camere da letto, lo studio, la cucine con tinello ed i servizi. il Palazzetto è arricchito da caratteristiche uniche ed amatoriali che contraddistinguono gli edifici nobiliari dell'epoca, come i soffitti con volte a crociera e travi in legno, l'affascinante corte interna, le terrazze con meravigliosa vista panoramica. Eccezionale opportunità per realizzare una proficua attività ricettiva, acquistando l'immobile ad prezzo introvabile, da "vero affare". CONTESTO Il Paese sorge a 120,00 metri sul livello del mare dista circa 5 Km da Cassino. Gode di un affascinante centro storico e una ottima presenza di servizi. Tra i monumenti di interesse: la Chiesa di Santa Maria Nuova eretta nel XIII secolo, la Chiesetta di Ognissanti del secolo XI (dichiarata monumento nazionale) e, poco fuori dal paese, la chiesa di S. Maria Maggiore (pavimento musivo del secolo XI e affreschi di scuola benedettina del secolo XII), il Santuario di Casalucense, il Ponte e l’Acquedotto Romano. STORIA Il nome di Sant'Elia è menzionato per la prima volta nel “Chronicon Casinense” all'epoca delle devastazioni saracene (859 e 866). In epoca romana l'attuale territorio santeliano era compreso in quello dell'antica Casinum, come documentano le superstiti iscrizioni. Nel territorio sono stati rinvenuti reperti archeologici di epoca pre-romana e romana: mura poligonali del IV o III secolo a.C., resti di due ponti romani, lunghi e ben conservati tratti di un acquedotto romano di epoca claudia (I secolo d.C.), resti di colonne e frontoni di ville ed edifici sacri romani, epigrafi latine. La storia del paese si lega strettamente a quella del vicino Monastero benedettino di Montecassino: infatti fu fondato, su una collinetta alla sinistra del corso del fiume Rapido, dall'abate Mansone di Montecassino attorno all'anno 990 e prese il nome da una piccola chiesa dedicata al Santo Profeta, esistente all'epoca poco più a valle del nuovo paese, proprio nei pressi del fiume, dove ancora oggi è possibile ammirare la parte superiore di un ponte romano detto di Sant'Elia Vecchio.