• Filtri
  • Via Ponzano 20, Montebuono

    Villa

    • G
    • 500 m2
    • 8  Locali
    • 4  Bagni

    1.500

    A confine con l’Umbria, precisamente a MONTEBUONO loc.tà FIANELLO proponiamo in locazione ampia struttura in fase di ristrutturazione immersa nel verde, dove è possibile trovare pace e tranquillità , con ottimo panorama sulle colline circostanti. Ottima la collocazione vista la vicinanza con il centro abitato e i servizi (4 km) e dalla stazione ferroviaria che collega con Fiumicino aereoporto e i caselli autostradali di Ponzano Soratte e Magliano Sabina. (20 minuti) La villa, disposta al piano terra e piano primo, è composta da 7 camere, 4 bagni, cucina, soggiorno, sala da pranzo, dispensa, studio e cantine. La struttura è adatta ad ogni tipo di esigenza, vista la grande metratura è perfetta per chi ha in mente di creare un attività ricettiva a gestione famigliare. E' possibile discutere con il proprietario per eventuali modifiche e lavori. LA STORIA DI FIANELLO: Da alcune ricerche storiche risulta che, nel Medioevo, Fianello è stato possedimento del Ducato longobardo di Spoleto (591-800 d. C.), poi dei Savelli e, nel Rinascimento, degli Orsini. Una meta da non perdere per il fascino che trasuda e per gli importanti ritrovamenti archeologici e storici del periodo sabino, romanico e longobardo. Montebuono è un comune di circa 1.000 abitanti. L'insediamento principale è costituito dal borgo medievale che si colloca su un'altura che consente al visitatore di mirare un panorama immenso fatto di verde e ville, quasi come se fosse una immensa e ricca zona residenziale. Il monte S. Benedetto protegge il paese dai venti freddi del nord favorendo un clima mite tutto l'anno (da cui il nome Montebuono). Salendo su per il pendio del monte si ha la possibilità di vedere tutto il borgo dall'alto e di godere di un panorama meraviglioso che spazia dai Monti Cimini, al Soratte e ai Monti Sabini. Poco distante dal borgo, a ridosso del cimitero, in località Sargnano, si trova l'importante chiesa di San Pietro denominata “ad Muricentum” o “ad Centum murum”, come le fonti la definiscono, per la presenza di numerosi resti romani. Sembra sia stata costruita sull'antica villa di Agrippa.