Affitti brevi: le nuove tendenze dello smart working e delle vacanze

Affitti brevi: le nuove tendenze dello smart working e delle vacanze

È fresca la notizia per cui James Gorman, Amministratore Delegato di Morgan Stanley, avrebbe detto ai propri dipendenti in merito allo smart working: "Se vi sentite tranquilli al ristorante, allora tornate in ufficio. Il lavoro in presenza è decisivo, non ci sono scuse. E se il messaggio non verrà recepito, allora avremo un altro tipo di conversazione". La dichiarazione ha fatto molto discutere, ottenendo detrattori e sostenitori tra l'opinione pubblica. Sarà la fine dello smart working? Per il momento non sembrerebbe. Almeno stando alle ultime tendenze in tema di affitti brevi, legati a vacanze e smart working. Affitti brevi tra smart working e vacanza Gli affitti brevi rappresentano una buona soluzione per chi desidera trascorrere del tempo in località di vacanza, sia per rilassarsi sia per lavorare. Nell’ultimo anno ci…
Leggi di più
Immobiliare: durante la pandemia in città si abbandonano i monolocali

Immobiliare: durante la pandemia in città si abbandonano i monolocali

La pandemia ha avuto un forte impatto sul mercato immobiliare, sia a livello di compravendite che di locazioni. La permanenza forzata in casa per mesi con il ricorso alla didattica a distanza e allo smart working, ha comportato la nascita di nuove necessità ed esigenze nelle persone, e di conseguenza anche un cambiamento nel mercato immobiliare. Infatti, se da un lato tanti studenti e lavoratori fuori sede sono ritornati nelle località di origine, determinando una minore domanda di immobili in locazione, dall’altro la diminuzione dei flussi turistici ha provocato un aumento dell’offerta. Venendo meno l’esigenza di avvicinarsi a zone centrali di grandi città per raggiungere i luoghi di lavoro o studio, molti acquirenti hanno cambiato le proprie esigenze. In particolare, durante l’ultimo anno c’è stato un generale allontanamento dai centri…
Leggi di più
Case tipiche regionali: quali sono e quanto costano?

Case tipiche regionali: quali sono e quanto costano?

Quanto costano le abitazioni tipiche? Il patrimonio immobiliare italiano è ricco di tipicità regionali. Si tratta di abitazioni che hanno sviluppato uno stile unico, tipico ed esclusivo di una particolare regione o territorio e la loro architettura riflette le condizioni climatiche, territoriali e storiche del luogo di appartenenza. Ci sono molti esempi di case tipiche nel nostro paese: dammusi, masserrie, trulli, sassi, baite… Ma quanto costa acquistare un’abitazione tipica? Per chi volesse una soluzione abitativa diversa dall’appartamento in città o dalla classica villetta, o per chi invece è alla ricerca di una seconda casa vacanza in un contesto suggestivo o è alla ricerca di un immobile particolare con finalità di investimento, su www.wikicasa.it ci sono interessanti possibilità a seconda del budget a disposizione. Chalet e Baite Sono le tipiche abitazioni…
Leggi di più
EarthDay: gli italiani più attenti all’eco-sostenibilità degli immobili

EarthDay: gli italiani più attenti all’eco-sostenibilità degli immobili

In occasione della Giornata della Terra - #earthday2021 - cosa possiamo dire sulla sensibilità ecologica degli italiani in ambito immobiliare? Forse non tutti sanno che un elevato uso di energia elettrica, attraverso i comfort presenti nelle nostre abitazioni può, non solo ingigantire l’importo in bolletta, ma anche essere particolarmente dannoso per l’ecosistema che continuerà inevitabilmente a nutrirsi dei gas nocivi prodotti dalla combustione dei combustibili fossili. Ecco perché è importante che un edificio abbia una classe energetica elevata, che oltre a far bene all'ambiente aumenta anche il valore dell'immobile. Dalle ricerche effettuate dagli italiani sul portale www.wikicasa.it nell'ultimo biennio risulta che: gli edifici con classe energetica inferiore a D - che sono anche i più datati - sono sempre meno ricercati l'andamento delle ricerche per gli immobili con classe energetica…
Leggi di più
Case in nuda proprietà: è boom di ricerche nel 2020

Case in nuda proprietà: è boom di ricerche nel 2020

Secondo uno studio di Wikicasa il 2020 ha visto un aumento del trend di ricerche relativo alla tipologia contrattuale “Nuda proprietà”. Le ricerche in aumento si sono tradotto in maggiori visite ad immobili di questo tipo sul portale e in maggiori richieste alle agenzie. Per quanto riguarda le visite infatti: Ad aprile 2020 si è riscontrato un boom di visualizzazioni sulla tipologia di contratto “Nuda proprietà”: +135% rispetto a marzo 2020. Il dato va interpretato al netto della crescita generale del traffico del portale, che ad aprile 2020 era del +30,47% rispetto al periodo precedente, ma si tratta comunque di un aumento più che proporzionaleIl dato si è mantenuto costante per tutto il periodo del lockdown della scorsa primavera, fino a giugno 2020. Per riprendere a settembre 2020, riportando i…
Leggi di più
Smartworking e nuove tendenze del mercato immobiliare

Smartworking e nuove tendenze del mercato immobiliare

Secondo uno studio realizzato da Fondirigenti su 14mila aziende – e ripreso dal Sole24Ore – più della metà delle aziende, il 54%, continuerà ad utilizzare lo smartworking in maniera permanente, anche ad emergenza sanitaria finita. A conferma della permanenza di questo trend anche l’INAIL ha emesso di recente un'informativa con avvertenze e indicazioni generali sui comportamenti corretti da tenere per non compromettere la saluta durante il lavoro agile (a proposito di illuminazione naturale, aereazione, postura, ... la trovi qui). È chiaro che – se questo fenomeno diventa permanente – influenzerà in maniera significativa il mercato immobiliare, sia nel comparto residenziale che in quello commerciale. Allo stato attuale quali sono i trend registrati? Secondo un’indagine condotta dall’Ufficio Studi del Gruppo Tecnocasa, per il momento, le principali implicazioni del fenomeno sul marcato…
Leggi di più