4 (+1) buone regole per creare annunci immobiliari efficaci

La pubblicazione degli annunci immobiliari sui portali è diventata sempre più smart e veloce ma il modo in cui viene scritto e creato l’annuncio può incidere significativamente sulla sua efficacia. In questo articolo analizzeremo 4+1 buone regole per migliorare le performance degli annunci

4 (+1) buone regole per creare annunci immobiliari efficaci

Wikicasa ha effettuato uno studio sulle performance del portale focalizzandosi sulle caratteristiche degli annunci che hanno riscontrato più successo nei listati. È emerso come alcuni errori siano comuni tra gli annunci che generano un minore interesse e come invece alcuni punti di forza caratterizzino gli immobili con un maggiore successo. Di seguito approfondiremo le 4 (+1) regole risultanti per la creazione di annunci performanti:

1) Inserire foto di qualità

Numerosi studi dimostrano come immagini di qualità ed accattivanti siano determinanti per catturare l’attenzione dell’utente e per invogliarlo ad approfondire l’annuncio. Non dimenticare di inserire anche un numero sufficiente di immagini cercando di dare una visione dell’immobile a 360 gradi.

2) Il testo dell’annuncio deve essere adeguato allo scanning

I lettori non leggeranno tutto l’annuncio, faranno uno scan con lo sguardo soffermandosi solo sulle informazioni di loro interesse. La descrizione deve essere perciò breve concisa, è inutile ripetere informazioni che possono essere visualizzate anche nei dettagli. Ad esempio, si dovrebbe evitare di ribadire il numero delle camere o dei bagni. Un’analisi eseguita da Zillow ha evidenziato come la descrizione dell’immobile debba aggirarsi intorno alle 250 parole per risultare efficace.

Ogni parola che viene usata deve quindi essere ragionata e bisogna valutare l’effetto che avrà sui lettori. A supporto di questa teoria, 10 anni fa Paul Anglin, un professore dell’università del Canada, condusse uno studio sugli annunci immobiliari e su come la loro formulazione influisse sul successo. Ha estrapolato un elenco di parole che aiutano a vendere come, ad esempio, “belle” e “aspetto esteriore” e altre che invece non aiutano come “pulito”, “valore”, “silenzioso”. Quest’analisi è stata fatta molti anni fa perciò non vi sono prove sul fatto che possa avere effetto al giorno d’oggi ma dimostra l’importanza di pesare la scelta delle parole negli annunci.

Un consiglio è quello di iniziare a notare quali sono le parole ricorrenti dei testi dei vostri annunci che hanno più successo e farne tesoro per gli incarichi futuri.  

3) Informazioni sul contesto

È importante inserire anche i termini più significativi e caratterizzanti dell’immobile come la posizione in una grande città o vicino ai mezzi pubblici. Devono essere informazioni chiare ed esplicative, in grado di descrivere il contesto dell’immobile di riferimento. È necessario, quindi, andare dritti al punto inserendo le principali motivazioni che dovrebbero portare un utente ad interessarsi a quella abitazione. Per esempio, inserire informazioni quali la presenza di un’area silenziosa e tranquilla o la posizione a pochi minuti da una metropoli.

Un consiglio è quello di creare una lista dei punti di forza della casa in modo da averli tutti sottomano per riconoscere poi quelli fondamentali ed inserirli nel testo.

4) Arricchire l’annuncio di media e informazioni

Più completo sarà l’annuncio in termini di informazioni rilevanti, maggiore sarà il suo successo. Per questo motivo, inserire Ape, planimetria, virtual tour, prezzo e localizzazione precisa conferiranno punti in più all’immobile. Inoltre, se un utente effettua una ricerca con dei filtri riguardo al prezzo o alla località il vostro annuncio rischia di non apparire se è stato impostato un prezzo riservato o una località generica. Di seguito vi mostriamo un esempio pratico di quanto appena descritto:

 L’idea è quella di fornire all’utente il quadro più esaustivo e trasparente possibile in modo che riescano a farsi un’idea concreta sulla casa e a diventare dei contatti caldi.

Rispondere tempestivamente al cliente

Un ultimo aspetto da non sottovalutare per garantire alte performance ai vostri annunci è la velocità con la quale riuscirete a ricontattare le persone interessate. Una chiamata persa, una richiesta di informazioni senza risposta possono portare l’utente interessato a valutare opzioni diverse.

Seguire queste regole può davvero fare la differenza, le state già adottando? Faccelo sapere nei commenti.

Se ti è piaciuto questo articolo potrebbe piacerti anche Annunci immobiliari: la ricerca diventa sempre più mobile. Cosa cambia?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *